venerdì 15 aprile 2016

Oroscopo e performance sportiva

L'oroscopo è un tema che divide i pensieri della popolazione in modo netto: alcuni ci credono ciecamente, alcuni lo leggono per curiosità e molti sono gli scettici.

Anche tra gli intellettuali questa divisione permane. Carl Gustav Jung, allievo prediletto di Freud, è stato una delle menti più brillanti del '900 ed era un fervente sostenitore della sapienza dell'oroscopo. Conosciute in ambito psicologico sono le sue ricerche su come una relazione di coppia soddisfacente sia strettamente connessa ai temi astrali dei partner. Di contro è sicuramente più facile trovare scienziati appartenenti alla fazione opposta, tra gli scettici.

Il CICAP, Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, si è sempre nettamente posizionato in opposizione agli oroscopi, evidenziando come le tavole astrologiche si rifanno alle posizioni degli astri in cielo vecchie di millenni e quindi decisamente erronee. Le letture dell'oroscopo si rifarebbero a basi già da sè traballanti.

Nonostante siano molti gli scienziati scettici, esistono menti brillanti che concepiscono la realtà in un'ottica olistica (dal greco: olos = tutto, intero). L'universo e le parti che lo compongono sono tra loro interconnesse e subiscono, o agiscono, un'influenza reciproca. Troverete allineati su questa posizione diversi premi Nobel. Restando in ambito psicologico, William James, padre della moderna psicologia parlava a tale proposito di "mente cosmica".

Seguendo questa ottica di interconnessioni e reciproche influenze, anche gli astri avrebbero un ruolo notevole nel decidere il nostro destino o solo il nostro futuro prossimo. 

Questo discorso può valere anche in ambito sportivo? I nostri successi possono essere legati ai nostri temi astrali? Questo è quanto emergerebbe da uno studio svolto da due ricercatori francesi Michael e Luise Gauquelin. 

Michael era uno psicologo con una particolare expertise statistica e Luise una cronobiologa. I due coniugi avevano progettato uno studio per il CSICOP (l'equivalente internazionale del CICAP) volto a confutare "l'effetto Marte", ridimensionando la capacità esplicativa dell'astrologia. 

In Astrologia Marte è il pianeta della guerra, dello sport, dell’ambizione e simboleggia la forza, l’impegno, gli sforzi e la competitività di una persona. Se questi presupposti fossero corretti sarebbe probabile trovare nel tema natale di militari, sportivi e persone di successo Marte in una posizione particolarmente forte e dominante.

Con sorpresa dei coniugi Gauquelin, lo studio compiuto, invece di confutare le predizioni astrologiche le convalidava. Nel campione statistico preso in esame, il 22% dei campioni sportivi europei studiati avevano Marte in ascesa o culminante. Da questo studio emergerebbe quindi che avere Marte nel nostro tema natale sarebbe una marcia in più in ambito sportivo. 

A titolo personale, seppure condivisa la visione olistica dell'universo, faccio fatica a credere agli oroscopi e non voglio quindi sostenere la loro veridicità, anzi. Sono però un lettore curioso e ho trovato lo studio dei coniugi Gauquelin e ho pensato quindi di condividerlo.

ARTICOLO A CURA DI:



Nessun commento:

Posta un commento