venerdì 30 settembre 2016

Ansia e sport - l'ansia di tratto competitiva

L'ansia viene normalmente identificata con uno stato di stress negativo, associandola ad un vissuto di tensione, apprensione, paura, inquietudine e di iper-attivazione fisica, cognitiva e comportamentale. 

A livello teorico si è soliti caratterizzare l'ansia in relazione alla sua durata e a fattori situazionali, suddividendola in: "ansia di stato" e "ansia di tratto".
  • Ansia di stato: vissuto transitorio di ansia, connesso all'insorgenza di uno stimolo specifico o al verificarsi di una situazione particolare;
  • Ansia di tratto: aspetto relativamente stabile, connesso alla strutturazione della personalità. Si manifesta come la tendenza a percepire come pericolosi o minacciosi gli stimoli esterni, in parte indipendentemente dalla loro effettiva pericolosità.
Per saperne di più...
In ambito sportivo tali concetti sono stati ridefiniti, mettendo in evidenza il concetto di "ansia di tratto competitiva", ovvero la tendenza, persistente, a percepire come minacciose e pericolose situazioni a carattere competitivo.
In contesto di gara, gli atleti con alti livelli di "ansia di tratto competitiva" tendono a sperimentare vissuti di tensione, apprensione, paura, inquietudine e di iper-attivazione fisica, cognitiva e comportamentale.
Un atleta con alti livelli di "ansia di tratto competitiva" tenderà quindi a:
  • Evitare le situazioni competitive, aggirando così lo stimolo che facilita l'insorgenza dell'ansia;
  • Sperimentare un forte stato d'ansia in concomitanza dell'avvicinarsi delle competizioni, danneggiando così le proprie potenzialità prestazionali;
Cosa fare? E' possibile arginare o ridurre l'"ansia di tratto competitiva"? Essendo un aspetto relativamente stabile, un tassello personologico, è difficile pensare di poter far scomparire l'ansia che precede una competizione. Questo però non significa che non sia possibile intraprendere delle azioni di miglioramento. Nello specifico un atleta può:
  • Imparare a gestire, nel modo più efficace possibile, l'ansia che si genera nei contesti competitivi;
  • Lavorare sull'associazione tra competizione e ansia.
ARTICOLO A CURA DI:

Nessun commento:

Posta un commento