giovedì 18 maggio 2017

Dialogo col campione: Gabriele Abate

Gabriele Abate è un runner specializzato nella corsa in montagna.

Nel suo palmares figurano prestigiosi traguardi. Gabriele Abate è stato: Vice Campione individuale 2005 di corsa in Montagna a Wellington (New Zeland) e Vice Campione Europeo 2011 di Corsa in Montagna a Bursa (Turchia).

A squadre ha conquistato i titoli mondiali nel 04’, 05’, 07’, 08’, 11' e il titolo europeo negli anni 05’, 06’, 07’, 08’, 10', 11', 12'

A livello nazionale ha ottenuto il titolo di Campione Italiano Lunghe Distanze nel 2010, 2011 e 2012







Ciao Gabriele, sei molto conosciuto nell'ambiente della corsa. Per chi non ti conosce, ma anche per chi ti conosce, puoi spiegare quali sono i tuoi principali punti forti che ti rendono un atleta di alto livello?

Sicuramente la testardaggine e poi sono molto meticoloso nella preparazione di un evento

Ci sono aspetti o elementi che sportivi appartenenti a discipline più mediatiche, che un atleta potrebbe imparare da uno sportivo di resistenza? Quali?

La capacità di soffrire e di passare le crisi

Hai ottenuto numerosi risultati di prestigio nella tua carriera sportiva. Secondo te quali sono gli ostacoli o i tranelli mentali, che possono impedire il raggiungimento di risultati di tale prestigio?

Il primo tranello sta nel non credere in te stesso. Il secondo nel non affidarti a persone "giuste", che sappiano, nel bene e nel male, darti giuste indicazioni

Negli anni ti sei approcciato a discipline differenti e con durate differenti. Ci sono differenze nella gestione del pre-gara di una gara di breve o lunga durata?

Ogni tipologia di gara ha una preparazione fisica, alimentare e mentale completamente differente, in base alla durata della manifestazione. Per gare brevi è importante arrivare molto carichi mentalmente, riuscendo ad alzare di molto il livello delle endorfine. Questo per essere da subito pronto per dare il massimo. Per le lunghe distanze devi saperti gestire al meglio, per evitare di trovarti scarico troppo presto

Posso chiederti di descrivere le tue doti mentali, che ti contraddistinguo come atleta?

Caparbio e meticoloso

Nessun commento:

Posta un commento